L’addio di Massimiliano a Trieste

L’album donato dai triestini alla partenza di Massimiliano per il Messico (Fonte: Massimiliano da Trieste al Messico, Catalogo a cura di L. R. Loseri, Edizioni Lint, 1986, Trieste)

Tavola argentata con inserimento di rilievi in avorio e incastonature di 11 turchesi e 16 opali; nel frontespizio un acquerello di Fielder; all’interno le firme del podestà Carlo Porenta e di operatori economici e culturali, conservata a Vienna.

Riportiamo il testo integrale della lettera con firma autografa di Massimiliano d’Asburgo inviata al podestà di Trieste nell’aprile 1864.Il manoscritto è conservato presso il Civico Museo di Storia e Arte a palazzo Gopcevich di Trieste.

Caro Signor Podestà,

Mentre fidente nell’ajuto del Cielo, Io assumo lontano Imperio, non posso a meno di rivolgere un’Addio pieno di mestizia alla bella e Cara Trieste.
Mia residenza d’elezione e quasi patria per dolce affetto, Io l’amai profondamente e nel lasciare l’Europa sento qual copia di preziose memorie ad essa Mi leghino.
Non dimenticherò mai la gentile cortesia dei suoi abitanti, ne le prove di devozione che i Triestini costantemente offrirono alla Mia casa ed a Me e queste memorie Mi seguiranno come dolce conforto nella lontananza e come felice augurio per l’avvenire.
Mi sarà ognor grato che il Mio giardino di Miramar sia visi-tato dalla popolazione di Trieste e fino a che le circostanze il permettano, dispongo ch’esso rimanga giornalmente aperto.
Bramo che i poveri conservino qualche memoria della Mia affe¬zione e destino loro la somma di Fiorini 20.000, i cui interessi verranno a cura del Municipio distribuiti annualmente la vigilia del Natale fra le famiglie più bisognose della Città.
A Lei Signor Dottore Carlo Porenta, quale Rappresentante della Città di Trieste, conferisco la Commenda dell’Ordine del Mio Impero.
Massimiliano

Miramar
li 10 Aprile 1864

Un pensiero su “L’addio di Massimiliano a Trieste

  1. salvatore Cicala

    Bravo Max,bello e buono,ma perché andarsene da un paradiso? Dove era amato da tutti?Forse .come diceva suo fratello Franz Joseph,egli era un fanciullo cresciuto?E quindi molto influenzabile?
    Purtroppo come è strutturata la storia oggigiorno,ci raccontano solo gli aspetti gradevoli e positivi dei personaggi,interessante sarebbe sapere anche il contraddittorio. Ad esempio la strage che egli commise in Messico dei prigionieri politici,e che gli costò poi la vita.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *