Archivio mensile:ottobre 2014

L’ultimo soggiorno di Carlotta a Miramare

Tra tutti i personaggi della Trieste di un tempo e particolarmente tra quelli della dinastia degli Asburgo, la principessa reale Marie Charlotte de Saxa-Coburgo-Gotha ha sempre avuto un ruolo marginale e comunque avvolto dall’ingenerosa fama della sua pazzia. Eppure la sua storia tormentata presenta degli aspetti controversi e più intriganti rispetto alla cognata Sissi, la celebratissima Elisabeth von Wittelbach, moglie del potente Francesco d’Asburgo-Lorena.
Se l’avventurosa vita di Massimiliano e le drammatiche vicende messicane sono state documentate e riportate in una bibliografia planetaria si trovano poche notizie su quelle vissute da Carlotta che pur condivise con lui dieci lunghi anni di storia.
Ma i gravissimi fatti accaduti, l’allontanamento forzato dal marito a cui è certo fosse legata da un grande affetto, la comprensibile delusione di un Impero per sempre perduto sarebbero sufficienti a scatenare la follia o avvenne qualcos’altro di ancora più drammatico della cinica indifferenza della corte asburgica, francese, spagnola e vaticana? E se pure la situazione fosse stata, come effettivamente è stata, così perversamente ostile alla nobile coppia da indurre Carlotta a un grave crollo di nervi, è credibile che non avesse potuto risollevarsi riacquistando il senso della realtà?
Addentrandoci nello specifico argomento si sono trovate diverse e come vedremo discutibili notizie sull’esordio della malattia ma quasi nulla su quanto veramente avvenne nei 10 mesi di reclusione al Gartenhaus di Miramare.Così alla Biblioteca di Storia e Arte ho trovato gli interessanti articoli che lo storico Oscar de Incontrera scrisse per la rivista La Porta Orientale (Anno VII, numeri 5 e 6 di maggio-giugno 1937) dal titolo:
L’ultimo soggiorno dell’Imperatrice Carlotta a Miramare secondo documenti inediti
Le sue pazienti ricerche sulle corrispondenze del Consolato di Spagna a Trieste, il Ministero degli Esteri di Madrid e sulle relazioni dei medici inviati sia da Massimiliano che dalla Corte del Belgio inducono a riflettere sugli inquietanti indizi raccolti dai personaggi vissuti ai tempi in cui si svolse il dramma di Carlotta.

Il lungo racconto è stato compreso in una serie di articoli che qui elenchiamo in ordine cronologico per una lettura più agevole:

– La cronologia http://quitrieste.it/carlotta-del-belgio-cronologia/  (18 gennaio)

– Le documentazioni http://quitrieste.it/lultimo-soggiorno-a-miramare-di-carlotta-del-belgio/  (23 gennaio)

– L’antefatto e il viaggio allo Yucatan http://quitrieste.it/carlotta-imperatrice-del-messico/   (27 gennaio)

– Il ritorno di Carlotta a Miramare: i fatti (Ia parte) http://quitrieste.it/il-ritorno-di-carlotta-a-miramare/  (4 febbraio)

– Carlotta a Miramare: i fatti (IIa parte) http://quitrieste.it/carlotta-a-miramare/ (10 febbraio)

– Massimiliano e Carlotta: l’epilogo http://quitrieste.it/massimiliano-e-carlotta/ (14 febbraio)

– Il testamento di Massimiliano d’Asburgo http://quitrieste.it/il-testamento-di-massimiliano-dasburgo/ (20 febbraio)

– L’addio di Massimiliano a Trieste http://quitrieste.it/laddio-di-massimiliano-a-trieste/ (22 febbraio)

Gabriella Amstici

Castrum Ospi

La grotta carsica di Ospo (Osapska Jama) si trova sotto il ciglione del monte Carso e si raggiunge percorrendo il ripido sentiero che dal ponte sulla strada principale del paese sale alla sinistra orografica dell’omonimo torrente.


Nell’ampia sala aperta sull’ingresso sono visibili i due tronconi di un’antica fortezza costruita nel corso del Millequattrocento per proteggere il territorio dalle distruzioni dei predoni islamici.
Secondo le cronache pervenute, il primo attacco risalirebbe al 1470 ma particolarmente cruento fu quello del 1499 guidato dall’albanese Scander.
Nella foto un disegno con la ricostruzione del Castrum Ospi come si presentava nel XV secolo:
La fortezza poteva ospitare una guarnigione fissa di soldati, cavalli e scorte di cibo mentre l’acqua era assicurata dal torrente che sgorgando dalle cavità interne della caverna defluiva dalla grande grata posta alla sinistra della muraglia.

Nel 1513 per colpa di un certo Barot Mocor de Gabroviza, il Castrum Ospi passò in mano dei Veneti che vi si stabilirono fino all’anno 1615 con la loro sconfitta nella battaglia di Zaule.
In seguito all’attenuarsi delle tensioni tra Veneti e Austriaci, la fortezza, così come tutti gli altri della zona carsica, perderà la sua funzione difensiva e verrà abbandonata nel corso del XVIII secolo. Lo spazio della  caverna assume diversi aspetti a seconda della stagione: nei periodi di piena, quando rio Ospo s’ingrossa notevolmente, si forma un lago dalle acque verdi e silenziose nonostante il gorgheggio delle numerose cascate che dalla parete rocciosa si riversano nello stretto canalone fino alla verde vallata di San Clemente, in passato sfruttata per alimentare alcuni mulini.

La caverna fu esplorata già nel 1883 dalla Società degli Alpinisti Triestini, ma solo dopo il 1929 la Società Alpina delle Giulie per mezzo di una piccola imbarcazione, scoprì ben 14 laghetti interni di cui il più grande si trovava a più di un chilometro dall’ingresso.
Dopo il 1980 gli sloveni effettuarono ulteriori esplorazioni inoltrandosi per 1600 metri di ramificazioni sotterranee.

Gli studi successivi hanno portato a nuovi tracciati del corso del torrente asserendo che le acque dell’Ospo, oltre a provenire dagli inghiottitoi dei monti Brkini, si mescolano con quelle del fiume Pivka (Piuca) che nascendo ai piedi del monte Gradisce scorre nelle grotte di Postumia per ricomparire nei pressi di Planina.

Fonte: Enrico Halupca, Le meraviglie del Carso, Ed. LINT, Trieste, 1998-2004

Le foto sono di Halupca (di cui sono grande fan) e rimovibili in caso di violazione dei diritti