Il Civico museo Sartorio espone i disegni di Giambattista Tiepolo

A 95 anni dalla loro acquisizione da parte del ricchissimo collezionista d’arte barone Giuseppe Sartorio (Trieste 1838 – 1910), il 17 dicembre 1988 vengono finalmente esposti al pubblico i primi 100 disegni e bozzetti vari di Giambattista Tiepolo (Venezia 1727 – Madrid 1770), parte di una raccolta di 254 fogli lasciata in eredità al Civico Museo di Storia e Arte di Trieste con il lascito testamentario del nobile filantropo.

L’incredibile storia del loro reperimento è stata narrata da Carlo Wostry (pittore di notevole talento e spregiudicato faccendiere) nella sua “Storia del circolo Artistico di Trieste” (Edizioni Svevo, Trieste, 1991).

Sembra che il prezioso malloppo fosse racchiuso assieme a vecchie cartacce in un baule ritirato dal commerciante triestino Pietro Zanolla dopo la dipartita di un certo Viviani, di professione incisore a Isola d’Istria. La scoperta della geniale mano del maestro veneziano fu il colpo di fortuna del sig. Conti, sconosciuto scultore dell’epoca, che per la distratta sventatezza dello Zanolla, riuscì a impossessarsi in gran fretta e per pochi soldi di tutti i pregiatissimi disegni. Intendendo ovviamente arricchirsi, iniziò a venderli a singoli raccoglitori d’arte finché il barone Sartorio, informato della dispersione di cotanto tesoro, incaricò l’amico Carlo Wostry di recuperarlo con i massimi rialzi di prezzo.

lobianco765

L’inestimabile collezione raccolta entro il 1893 e custodita con la massima cura fino alla morte del generoso benefattore, ricopre tutto l’arco della produzione artistica di Giambattista Tiepolo e comprende i bozzetti di soggetti rintracciabili in affreschi di palazzi veneziani, chiese, residenze reali e opere esposte in diversi musei.

I restauri dei vetusti e fragili fogli (per la maggior parte a penna con ombreggiature acquerellate ma anche a matita sanguigna, gessetto e inchiostro metallo) sono stati eseguiti dal Centro Studi e Restauro di Gorizia con effetti di straordinaria freschezza.

Al Comune di Trieste venne donata anche la storica villa residenziale dei Sartorio completa di arredi e di una collezione di 2.379 oggetti di grande valore antiquario.

Fonti:

Civico Museo Sartorio“, Rotary Club di Trieste, 1997

Carlo Wostry, Storia del Circolo Artistico di Trieste, Edizioni Svevo, Trieste, 1991

 

Gabriella Amstici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *